Planetware
Planetware

La frequenza del Sole


nota:       
126.22 Hz = Si (La1 = 449.9 Hz / 440 Hz + 38.1 cent)
          anteprima MP3
tempo:   118.3 bpm
colore     verde-giallo
chakra:  Manipura - chiamoto anche Hara
effetto:   promuove il senso di centralità della magia e del trascendentale.
(medicale non ancora esplorato)

Sole

Il sole è il centro energetico del nostro sistema solare. E' il centro di gravità, la terra e gli altri pianeti gli girano intorno. Perciò la frequenza del sole è associata al centro fisico. Nello ZEN questo punto è chiamato Hara. E' il centro di gravità dell'essere umano così come il sole lo è del sistema solare.

La frequenza del sole è l'espressione di un limite in quanto è l'unica nota che non si trova ad un ottava maggiore del corrispontente periodo astronomico. Come lo zero assoluto per la temperatura, indica il limite di espansione e contrazione, il limite che è anche chiamato lunghezza gravitazionale.

Un pianeta immaginario che ruotasse intorno al centro del sole ad una distanza pari alla lunghezza gravitazionale e ad una velocità prossima a quella della luce compirebbe 32000 rotazioni al secondo. 8 ottave più in basso si ha la frequenza di 126,22 Hz. Il colore corrispondente è il giallo-verde con la l.o. di 540 nm.

La frequenza del sole è il tono del 20° secolo. Essa non rappresenta la fisica classica come le altre trattate in questo libro, ma la teoria dei quanta e la teoria della relatività. La nota del sole è la linea di demarcazione tra lo Yin e lo Yang, tra questo lato e l'altro. Essa ascende ad una dimensione più alta e privando se stessa di una osservazione razionale raggiunge la magia e la trascendenza.

Il Do solare si dovrebbe usare, dopo aver lavorato con le altre note ed è sopratutto adatto agli esploratori della parapsicologia. Le esperienze possibili con questa nota, quindi, hanno carattere multidimensionale e ci catapultano in campi dell'esistenza assolutamente nuovi.
“La meditazione guidata da questa nota condurrà ad uno stato oltre bene e male, vergogna e colpa, spazio e tempo, conoscenza e saggezza , azione e riposo ed essere e non essere. Essa condurrà ad uno stato in cui essere non ha nome, ad uno stato in cui l'uno-tutto e tutto ciò che comprende non sono più entità separate ma sono riunite alla loro comune origine, l'origine che è anche te”